Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

LA LUCE: CARATTERISTICHE E COMPORTAMENTO - PARTE TERZA. L‘UNIVERSO DELLA MECCANICA

Nella serie L'Universo della Meccanica si ripercorre la storia delle leggi della meccanica, dalle intuizioni di Galileo (Pisa 1564 - Arcetri, Firenze 1642) alla teoria della relatività.
Questa serie di tre unità, seguendo la cronologia delle scoperte e degli studi sulla luce, ne descrive le proprietà e il comportamento. Sulla base di quelle di Luis De Broglie (1892-1987), Erwin Schrödinger (1887-1961) elabora la sua teoria. Si prendono come esempio, con animazioni al computer, le caratteristiche delle onde, in particolare l’interferenza: se la luce è un onda deve avere lo stesso comportamento. Max Born (1882-1970) dice che i fotoni potevano essere come particelle. Eisemberg, col suo principio di indeterminazione, concepisce il comportamento della luce come ondulatorio e corpuscolare. Al termine del documento il professor Goodstein esegue un esperimento con luce polarizzata da lenti speciali.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo