Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La macchina più potente mai costruita. A Memex LHC, l’acceleratore di particelle del Cern di Ginevra

Il Large Hadron Collider (LHD) è la macchina più potente mai costruita dall’uomo. Un anello di 27 chilometri che corre a 100 metri di profondità, vicino Ginevra, dove avvengono collisioni capaci di ricreare le condizioni dei primi istanti dopo il Big Bang.

Nella puntata di Memex in onda martedì 17 novembre, Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), ci racconta i sofisticatissimi strumenti che permettono ai fisici di esplorare l’infinitamente piccolo, a partire dall’acceleratore delle meraviglie del Cern. Sergio Bertolucci, attuale direttore della ricerca del Cern, spiega quale sarà il futuro di LHC dopo la scoperta del Bosone di Higgs.

Si prosegue poi con i rivelatori di neutrini, elusive particelle provenienti dallo spazio, a cui si dà la caccia sotto miniere (l’esperimento Super Kamiokande in Giappone), montagne (Borexino ai Laboratori nazionali del Gran Sasso) e perfino nelle profondità del mare (il progetto km3 al largo di Capo Passero, in Sicilia).

Ospite in studio Marco Grassi, ricercatore dell’Infn che attualmente lavora in Cina nel gigantesco rivelatore di neutrini Juno: ci spiega le ultime novità sulle particelle che nel 2015 sono valse il premio Nobel per la fisica.

 

Memex: la scienza raccontata dai protagonisti. Dal lunedì al giovedì, alle 21, su Rai Scuola, canale 146 del digitale terrestre. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo